Nasce il Museo del Suolo

1.500 mq di esposizione coperta e molteplici percorsi naturalistici collegati: nasce a Pertosa, nel cuore del Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni, il Museo del Suolo (MIdA 02). La nuova struttura, presentata in conferenza stampa all’AGIS di Napoli, unica in Italia e con pochissimi similari in Europa e nel mondo, propone un singolare itinerario di conoscenza dedicato alla terra, e più precisamente a ciò che avviene in quei tre metri, fondamentali per la vita sul nostro pianeta, che dalla superficie si portano in basso.

Dalla terra delle formiche, alla fauna che popola il sottosuolo, al mondo delle radici, ai diversi tipi di terreno, al mistero della creazione dell’humus, tra viaggi virtuali, installazioni di reperti e materiali naturali, fino alle collezioni vegetali, il Museo del Suolo di Pertosa, in tal senso, offre un percorso di conoscenza incomparabile.

La Fondazione MIdA completa così un percorso che offre agli studiosi ed ai visitatori un viaggio alla scoperta dei processi di formazione dei suoli, dei loro rapporti con gli ecosistemi, le comunità viventi ed i paesaggi, della interazione di lunga durata con le società umane.  Il Museo del Suolo si inserisce in un contesto che comprende le Grotte di Pertosa – Auletta, un affascinante complesso speleologico che si estende per circa tremila metri nel massiccio dei Monti Alburni, la cui visita inizia con la navigazione del sotterraneo corso d’acqua Negro. Ad esse si aggiunge il Museo Speleo-Archeologico (MIdA 01) nel centro storico di Pertosa, incentrato sull’eccezionale giacimento archeologico delle Grotte, che testimonia di ripetute frequentazioni umane estese nell’arco di circa 40.000 anni, dall’età paleolitica sino all’epoca medievale.

Info e Prenotazioni:

Tel. 0975-397037